top of page
Cerca

Concordato Preventivo Biennale e ISA: Novità e Implicazioni per i Contribuenti

Il Decreto Legislativo Accertamento: Cambiamenti nelle Procedure e Accessibilità per Tutti i Contribuenti ISA



Rivoluzione Fiscale Concordato Biennale

Introduzione

Il recente Decreto Legislativo, denominato "Accertamento", approvato dal Consiglio dei Ministri, ha introdotto significative modifiche nel panorama fiscale italiano, con particolare riferimento al concordato preventivo biennale. Queste novità, che incidono profondamente sui contribuenti di minori dimensioni e sulla loro relazione con l'Agenzia delle Entrate, meritano un'analisi approfondita per comprenderne appieno l'impatto e le opportunità.


I. La Nuova Regolamentazione del Concordato Preventivo Biennale


A. Cosa Cambia per i Contribuenti ISA

Il concordato preventivo biennale, introdotto con la versione definitiva del DLgs. "Accertamento", rappresenta una svolta per i contribuenti italiani. In precedenza, l'accesso a tale istituto era subordinato ad un punteggio ISA (Indici Sintetici di Affidabilità) elevato, requisito ora eliminato. Questo cambio normativo allarga la platea dei potenziali beneficiari, offrendo nuove opportunità a tutti i soggetti ai quali si applicano gli ISA, indipendentemente dalla loro affidabilità fiscale.


B. Vantaggi e Obblighi per i Contribuenti Adempienti

I contribuenti che aderiscono al concordato preventivo biennale potranno godere di diversi vantaggi, come l'accesso al regime premiale ISA e la non sottoposizione agli accertamenti presuntivi. Tuttavia, è importante sottolineare che, in caso di rifiuto della proposta dell'Agenzia delle Entrate, il contribuente verrà inserito nelle liste per controlli intensificati.


II. Procedura di Accesso e Implicazioni Fiscali


A. Procedura di Accesso al Concordato per il 2024

Per il primo anno di applicazione, il 2024, i contribuenti potranno aderire alla proposta di concordato entro il termine di presentazione della dichiarazione dei redditi. È fondamentale che i contribuenti siano consapevoli dei nuovi programmi informatici messi a disposizione dall'Agenzia delle Entrate e dei nuovi termini di presentazione per le dichiarazioni dei redditi.


B. Impatto sulla Presentazione delle Dichiarazioni dei Redditi

Il DLgs. "Accertamento" introduce un differimento nei termini di presentazione delle dichiarazioni dei redditi. Per il periodo d'imposta 2023, la scadenza viene posticipata al 15 ottobre 2024, mentre per il 2024, i termini di presentazione tornano ad allinearsi a quelli ordinari, con una posticipazione del termine iniziale dal 1° aprile al 15 aprile.



Domande Frequenti

  1. Chi può accedere al concordato preventivo biennale? Tutti i contribuenti ai quali si applicano gli ISA, a prescindere dal loro punteggio di affidabilità fiscale.

  2. Quali sono i vantaggi per i contribuenti che aderiscono al concordato preventivo biennale? Accesso al regime premiale ISA, esenzione dagli accertamenti presuntivi e, potenzialmente, condizioni fiscali più favorevoli.

  3. Cosa succede se un contribuente rifiuta la proposta di concordato dell'Agenzia delle Entrate? Il contribuente verrà inserito nelle liste per controlli fiscali intensificati.


Studio Romano e Associati | Commercialista Brescia

Google my business


Comments


bottom of page