top of page
Cerca

Responsabilità Fiscale delle Società: La Confisca dei Beni in Caso di Reati Tributari

La Suprema Corte chiarisce i confini della responsabilità fiscale delle società per i reati commessi dai loro rappresentanti legali


Responsabilità Fiscale Societaria Clarificata

Introduzione: Nel panorama giuridico italiano, il dibattito sulla responsabilità fiscale delle società, in relazione ai reati commessi dai loro rappresentanti legali, è un tema di rilevante importanza. La recente sentenza della Corte di Cassazione n. 50320 ha portato nuovi chiarimenti in questo ambito, enfatizzando la responsabilità delle società per i reati fiscali commessi dai loro amministratori.


Contesto Giuridico: Il fulcro della questione si concentra sull'articolo 12-bis del D.Lgs. 74/2000, che tratta della confisca tributaria. Secondo la giurisprudenza delle Sezioni Unite (Cass. SS.UU. n. 42415/2021 e Cass. n. 42616/2022), la confisca di denaro depositato sui conti correnti di una persona giuridica, derivante da un reato commesso dal suo legale rappresentante, deve essere considerata una confisca diretta. Questa interpretazione implica che non sia necessario dimostrare l'origine lecita del denaro oggetto di confisca.


Caso in Esame: La sentenza n. 50320 della Suprema Corte ha stabilito che, anche nei casi di reati tributari, il profitto ottenuto, sia esso un accrescimento patrimoniale diretto o un risparmio di spesa, rientra nella sfera di applicazione di questa norma. Il caso specifico riguardava il sequestro preventivo finalizzato alla confisca di circa 186.935,94 euro da una società a responsabilità limitata, in relazione a un reato di dichiarazione fraudolenta contestato all'amministratore.


Implicazioni per le Società: La sentenza ribadisce un principio fondamentale: le società non possono essere considerate soggetti estranei ai reati fiscali commessi dai loro rappresentanti. Inoltre, la Corte ha sottolineato che il denaro rappresenta un bene fungibile e un archetipo di valore, rafforzando l'idea che la confisca diretta può essere applicata indipendentemente dal mutamento della persona fisica dell'amministratore o dalla composizione societaria.



Studio Romano e Associati | Commercialista Brescia

Google my business

Comments


bottom of page