top of page
Cerca

Imposte su Criptovalute 2024: dettagli della circolare 30/2023

Imposte su Criptovalute 2024


Imposte su Criptovalute 2024

L'Italia ha recentemente aggiornato le sue direttive fiscali riguardanti le criptovalute, in risposta all'evolversi dell'ambiente finanziario digitale. La Legge di Bilancio 2023 ha introdotto importanti modifiche, mirando a sincronizzare le politiche fiscali con le dinamiche degli asset digitali.

La Circolare n. 30/E/2023, emessa dall'Agenzia delle Entrate il 27 ottobre 2023, espone queste novità, segnando un nuovo capitolo per l'imposizione fiscale sulle criptovalute nel 2024.



In questo articolo esploreremo:

Le basi normative e l'art. 67 del TUIR

Il regime fiscale delle criptovalute per il 2024

Come calcolare la media annuale dei saldi

La rivalutazione al 14% e la procedura di regolarizzazione

L'evoluzione degli asset digitali


Gli asset digitali, con le loro diverse forme e classificazioni legali, si sono rapidamente affermati tra gli investitori, sollevando questioni inedite per i regolatori.

L'Europa ha introdotto la direttiva DAC8 per facilitare la cooperazione amministrativa e garantire lo scambio automatico di informazioni sulle transazioni in criptovalute.

Le normative italiane si allineano a questi sforzi, affrontando la complessità degli strumenti digitali e definendo un quadro fiscale specifico per le criptovalute nel 2024.


Retrospettiva

Fino all'adozione della Legge di Bilancio 2023, l'assenza di una legislazione precisa ha portato l'Agenzia delle Entrate a trattare le valute virtuali come valute estere tradizionali, applicando un'imposta del 26% su tutte le plusvalenze, sia per gli scambi cripto-valuta fiat che per quelli cripto-cripto, a patto che il saldo dei depositi superasse i 51.645 € per almeno 7 giorni consecutivi.


Questa politica è stata ribadita nella Circolare n. 30/2023.


Principali modifiche

Dall'anno fiscale 2023, è stata aggiunta una nuova sezione, la c-sexies all'art. 67 del TUIR, concernente l'imposta sulle plusvalenze e altri redditi derivanti dalle criptovalute, applicabile anche per il 2024.


Il testo legislativo specifica:

  • c-sexies) le plusvalenze e gli altri redditi generati da rimborsi o vendite onerose, scambi o possesso di cripto-asset, di valore cumulativo non inferiore a 2.000 euro nel periodo fiscale. Per "cripto-asset" si intende una rappresentazione digitale di valore o diritti, trasferibile e stoccabile elettronicamente, mediante tecnologia di registro distribuito o simile. Gli scambi tra cripto-asset con identiche funzioni e caratteristiche non sono considerati rilevanti ai fini fiscali.


Il concetto di cripto-asset comprende valute virtuali come Bitcoin, Ethereum, Stablecoin, e altre rappresentazioni digitali basate su blockchain.


Determinazione delle plusvalenze

Per l'imposizione fiscale sulle criptovalute dal 2024, la base imponibile è data dalla differenza tra il corrispettivo ricevuto o il valore normale al momento della vendita e il costo o valore di acquisto.


In caso di scambio con un altro cripto-asset di diverse caratteristiche, si utilizza il valore normale dell'asset ricevuto, determinato alla data dello scambio sulla piattaforma utilizzata.


Monitoraggio fiscale

Dal 2024, è introdotto l'obbligo di monitoraggio fiscale, che prevede il versamento di un'imposta di bollo calcolata sul valore totale delle cripto-asset, indipendentemente dalla loro ubicazione.


Redditi da staking

Lo staking, processo di consenso distribuito nella blockchain, genera compensi tassati al 26%.


Altre disposizioni della Circolare 30/2023

Rivalutazione del valore di acquisto

La legge permette la rivalutazione del valore di acquisto delle cripto-asset al 1° gennaio 2023, versando un'imposta sostitutiva del 14%.


Regolarizzazione per omessa dichiarazione

In caso di mancato adempimento degli obblighi fiscali, i contribuenti possono regolarizzare la loro situazione, versando una sanzione dello 0,5% sul valore delle attività non dichiarate, più un 3,5% in caso di redditi non dichiarati.


FAQ: Tassazione Criptovalute 2024

1. Cosa cambia nella tassazione delle criptovalute nel 2024?Nel 2024, l'Italia introduce modifiche significative nella tassazione delle criptovalute, allineandosi alle dinamiche del mercato digitale e agli standard europei (DAC8), con l'obiettivo di chiarire e regolamentare meglio le imposte su questi asset.

2. Qual è la principale normativa di riferimento per la tassazione delle criptovalute?La principale normativa è la Legge di Bilancio 2023, che insieme alla Circolare n. 30/E/2023 dell'Agenzia delle Entrate, fornisce le linee guida dettagliate per la tassazione delle criptovalute per l'anno fiscale 2024.

3. Come si calcola la tassazione sulle criptovalute?La tassazione si applica sulle plusvalenze e sugli altri redditi derivanti dalla vendita, scambio, o detenzione di criptovalute, con una franchigia di 2.000 euro. La base imponibile è la differenza tra il corrispettivo ricevuto o il valore normale al momento della cessione e il costo di acquisto.

4. Cosa si intende per "cripto-attività" ai fini fiscali?Per cripto-attività si intende una rappresentazione digitale di valore o diritti, che può essere trasferita e memorizzata elettronicamente, utilizzando tecnologia blockchain o simili. Include valute virtuali come Bitcoin e Ethereum, oltre ad altre forme di rappresentazioni digitali.

5. Esiste un'obbligazione di monitoraggio fiscale per le criptovalute?Sì, a partire dal 2024, i detentori di criptovalute sono soggetti all'obbligo di monitoraggio fiscale, che include il versamento di un'imposta di bollo calcolata sul valore complessivo delle criptoattività detenute.

6. Come funziona la rivalutazione del valore di acquisto delle criptovalute?I detentori possono optare per una rivalutazione del valore di acquisto delle loro criptovalute al 1° gennaio 2023, pagando un'imposta sostitutiva del 14% sul valore rivalutato, al fine di adeguare la base imponibile per future cessioni.

7. Cosa succede in caso di mancata dichiarazione dei redditi derivanti da criptovalute?In caso di omessa dichiarazione, è possibile regolarizzare la propria posizione attraverso una procedura di emersione, versando una sanzione dello 0,5% sul valore delle attività non dichiarate, più un 3,5% in caso di redditi non dichiarati.

8. Il trading tra criptovalute di identica funzione è tassabile?No, lo scambio tra cripto-attività che hanno identiche caratteristiche e funzioni non è considerato fiscalmente rilevante e quindi non è soggetto a tassazione.

9. Come si determina il valore normale di una cripto-attività in caso di scambio?Il valore normale si basa sul prezzo rilevabile sulla piattaforma di scambio alla data di conclusione dell'operazione. In assenza, si applica il principio generale di valutazione previsto dall'articolo 9 del TUIR.

10. È possibile correggere una precedente dichiarazione fiscale omessa o errata su criptovalute?Sì, i contribuenti possono avvalersi del "ravvedimento operoso" per correggere dichiarazioni omesse o errate, entro i termini previsti dalla normativa, beneficiando di sanzioni ridotte.

Comments


bottom of page