top of page
Cerca

La Disciplina Dell’esterometro 2022

Aggiornamento: 8 lug 2022

Per le operazioni con l’estero effettuate a partire dal 1° luglio 2022 i dati delle operazioni transfrontaliere devono essere trasmessi utilizzando esclusivamente il Sistema di Interscambio e il formato XML, adottato per l’invio delle fatture elettroniche.


Per ogni fattura estera ricevuta bisognarà predisporre una autofattura elettronica Italiana e spedirla allo SDI dell'agenzia delle entrate.

di seguito le casistiche



Come comunicare i dati delle operazioni con l'estero


La comunicazione dei dati delle operazioni con l'estero dovrà essere effettuata

adottando il formato XML attualmente utilizzato per l'invio delle fatture elettroniche.

Ciò significa che:


Il documento elettronico è di tipo TD17 per gli acquisti di servizi dall’estero, per i quali il cliente italiano è debitore d’imposta ai sensi dell’art. 17, comma 2, del D.P.R. n. 633/1972 ed è, quindi, tenuto ad applicare l’IVA con la procedura di integrazione o di autofatturazione, a seconda che il fornitore sia stabilito in altro Paese UE o in un Paese extra-UE.


Il tipo TD18 si riferisce agli acquisti intracomunitari di beni per i quali il cessionario italiano è tenuto ad applicare l’imposta con la procedura di integrazione di cui all’art. 46 del D.L. n. 331/1993.


Il documento elettronico è di tipo TD19 per gli acquisti di beni dall’estero, per i quali il cliente italiano è debitore d’imposta ai sensi dell’art. 17, comma 2, del D.P.R. n. 633/1972 ed è, quindi, tenuto ad applicare l’IVA con la procedura di integrazione o di autofatturazione, a seconda che il fornitore sia stabilito in altro Paese UE o in un Paese extra-UE.



Termini di trasmissione dei dati

  • la trasmissione telematica dei dati relativi alle operazioni attive, da effettuare utilizzando il formato XML della fattura elettronica, dovrà essere effettuata entro i termini di emissione delle fatture o dei documenti che ne certificano i corrispettivi, vale a dire entro 12 giorni dall’effettuazione della cessione o prestazione o entro il diverso termine stabilito da specifiche disposizioni (ad esempio, giorno 15 del mese successivo in caso di fatturazione differita);

  • la trasmissione telematica dei dati relativi alle operazioni passive dovrà essere invece effettuata entro il quindicesimo giorno del mese successivo a quello del ricevimento del documento comprovante l’operazione o di effettuazione dell’operazione stessa.



Riassunto:

OPERAZIONE/TIPO DOCUMENTO

MOMENTO DI EFFETTUAZiONE

TERMINE PER L’INTEGRAZIONE DELLA FATTURA/EMISSIONE AUTOFATTURA

TERMINE DI REGISTRAZIONE

TERMINE DI INVIO AL SDI

Acquisto Intracomunitario di beni TD18

​Inizio del trasporto i, se precedente, emissione della fattura (non rileva il pagamento di acconti)

Integrazione nel mese di ricezione della fattura

Entro il giorno 15 del mese successivo a quello di ricezione della fattura, ma con riferimento al mese di ricezione

Entro il 15° giorno del mese successivo al ricevimento del documento, indicando la data di ricezione del documento o una data compresa nel mese di ricezione

Acquisto Intracomunitario di “servizi generici” TD17

Ultimazione della prestazione o maturazione del corrispettivo se la prestazione ha carattere periodico o continuativo. Se il pagamento è antecedente a detti momenti, vale la data di pagamento, non rileva la data di ricevimento della fattura, anche se essa costituisce un indizio circa l’intervenuta ultimazione della prestazione

Integrazione nel mese di ricezione della fattura

Entro il giorno 15 del mese successivo a quello di ricezione della fattura, ma con riferimento al mese di ricezione

Entro il 15° giorno del mese successivo al ricevimento del documento, indicando la data di ricezione del documento o una data compresa nel mese di ricezione

Acquisto Intracomunitario di servizi diversi da quelli “generici” TD17

Pagamento della prestazione o emissione della fattura

Integrazione nel mese di ricezione della fattura

Entro il giorno 15 del mese successivo a quello di ricezione della fattura, ma con riferimento al mese di ricezione

Entro il 15° giorno del mese successivo al ricevimento del documento, indicando la data di ricezione del documento o una data compresa nel mese di ricezione

Acquisto Extra-UE di servizi “generici” TD17

​Ultimazione della prestazione o maturazione del corrispettivo se la prestazione ha carattere periodico o continuativo.

Se il pagamento è antecedente a detti momenti, vale la data di pagamento, non rileva la data di ricevimento della fattura, anche se essa costituisce un indizio circa l’intervenuta ultimazione della prestazione

Autofattura emessa entro il giorno 15 del mese successivo all’effettuazione

Entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione, ma con riferimento al mese di effettuazione dell’operazione

​Entro il 15° giorno del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione, indicando la data di effettuazione dell’operazione o una data compresa nel mese di effettuazione dell’operazione

Acquisto Extra-UE di servizi diversi da quelli “generici” TD17

Pagamento della prestazione o emissione della fattura

Autofattura emessa entro il giorno 15 del mese successivo all’effettuazione

Entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione, ma con riferimento al mese di effettuazione dell’operazione

Entro il 15° giorno del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione, indicando la data di effettuazione dell’operazione o una data compresa nel mese di effettuazione dell’operazione

Acquisti di beni in Italia presso fornitore UE TD19

Consegna o spedizione ovvero, se antecedente, emissione della fattura o pagamento del corrispettivo

​Integrazione nel mese di ricezione della fattura

Entro il giorno 15 del mese successivo a quello di ricezione della fattura, ma con riferimento al mese di ricezione

​Entro il 15° giorno del mese successivo al ricevimento del documento, indicando la data di ricezione del documento o una data compresa nel mese di ricezione

Acquisti di beni in Italia presso fornitore Extra-UE TD19

Consegna o spedizione ovvero, se antecedente, emissione della fattura o pagamento del corrispettivo

Autofattura da emettere entro 12 giorni dalla data di effettuazione dell’operazione

Entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione, ma con riferimento al mese di effettuazione dell’operazione

Entro il 15° giorno del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione, indicando la data di effettuazione dell’operazione o una data compresa nel mese di effettuazione dell’operazione

Esempio Compilazione:


Codice

Campo

Contenuto

TD17

<CedentePrestatore>

Dati del fornitore estero (UE o extra-UE)

<CessionarioCommittente>

Dati dell’acquirente nazionale

<Data>


  • Data di ricezione (o data ricadente nel mese di ricezio- ne), nel caso di emissione di documento relativo a ser- vizi intra-UE o

  • data di effettuazione dell’operazione, nel caso di acqui- sto di servizi extra-UE


<Numero>

Indicare, preferibilmente, una numerazione ad hoc

<PrezzoTotale>

Imponibile della fattura ricevuta dal prestatore UE o extra-UE

<Aliquota IVA>

Riportare l’aliquota IVA cui è soggetta l’operazione

<Imposta>

Indicare l’IVA dovuta in relazione alle differenti aliquote

​<Natura>

Qualora l’operazione risulti non imponibile, esente o non sog- getta, indicare il relativo codice “Natura”

<DatiFattureCollegate>

Riportare gli estremi della fattura di riferimento



Codice

Campo

Contenuto

TD18

<CedentePrestatore>

​Dati del fornitore UE

<CessionarioCommittente>

Dati dell’acquirente nazionale

​<Data>

Data di ricezione (o data ricadente nel mese di ricezione)

​<Numero>

Indicare, preferibilmente, una numerazione ad hoc

<PrezzoTotale>

​Imponibile della fattura ricevuta dal fornitore UE

<Aliquota IVA>

Riportare l’aliquota IVA cui è soggetta l’operazione

<Imposta>

Indicare l’IVA dovuta in relazione alle differenti aliquote

<Natura>

Qualora l’operazione risulti non imponibile, esente o non soggetta, indicare il relativo codice “Natura”

<DatiFattureCollegate>

​Riportare gli estremi della fattura di riferimento



​Codice

Campo

Contenuto

TD19

<CedentePrestatore>

Dati del fornitore estero

<CessionarioCommittente>

Dati dell’acquirente nazionale

<Data>

​Riportare:

  • la data di ricezione della fattura emessa dal fornitore UE o una data ricadente nel mese di ricezione della fattura;

  • la data di effettuazione dell’operazione intercorsa con il fornitore extra-UE.


<Numero>

Indicare, preferibilmente, una numerazione ad hoc

​<PrezzoTotale>

Imponibile della fattura ricevuta dal fornitore UE o extra-UE

<Aliquota IVA>

Riportare l’aliquota IVA cui è soggetta l’operazione

<Imposta>

Indicare l’IVA dovuta in relazione alle differenti aliquote

<Natura>

Nel caso in cui l’operazione risulti non imponibile, esente o non soggetta, indicare il relativo codice “Natura”

<DatiFattureCollegate>

Riportare gli estremi della fattura di riferimento


di seguito le istruzioni di compilazione per chi usa il Software Fatture in Cloud




Per saperne di più



Comments


bottom of page