top of page
Cerca

Scadenze Fiscali di Giugno 2024



Scadenze di Rilievo

Tra le principali scadenze, segnaliamo il pagamento della quarta rata della Rottamazione Quater. Sebbene la scadenza ufficiale sia il 31 maggio, l'Agenzia delle Entrate concede un periodo di tolleranza di 5 giorni, permettendo di effettuare il pagamento entro il 5 giugno 2024 senza incorrere in sanzioni o interessi.

Inoltre, il termine per il versamento dell’acconto dell’IMU è fissato per il 17 giugno, considerando che il 16 giugno cade di domenica. È importante ricordare che l’IMU prevede due rate: l’acconto a giugno e il saldo a dicembre.

Gli adempimenti fiscali non finiscono qui. Di seguito, forniamo una panoramica dettagliata delle scadenze fiscali di giugno 2024 per guidare i contribuenti.


Scadenze Fiscali del 2 Giugno 2024: Contratti di Locazione

Il mese inizia con la scadenza per la registrazione e il versamento dell’imposta di registro sui contratti di locazione, interessando le parti contraenti che non hanno optato per la “cedolare secca”. È necessario versare l’imposta di registro per i contratti stipulati il 1° aprile 2024 o rinnovati automaticamente da tale data, utilizzando il modello F24 ELIDE.


Scadenze Fiscali del 5 Giugno 2024: Rottamazione Quater

La quarta rata della Rottamazione Quater è tra le scadenze più rilevanti. Sebbene la scadenza ufficiale sia il 31 maggio, i contribuenti hanno tempo fino al 5 giugno per effettuare il pagamento. Le prossime rate sono previste per il 31 luglio e il 30 novembre. È essenziale sottolineare che il mancato pagamento anche di una sola rata entro 5 giorni dalla scadenza comporta la perdita dei benefici della definizione agevolata.


Scadenze Fiscali del 17 Giugno 2024: IMU e Non Solo

Entro il 17 giugno 2024, scade il termine per il versamento della prima rata dell’IMU. Le modalità di pagamento includono il bollettino postale compatibile con il modello F24, il modello F24 stesso o la piattaforma PagoPA. È possibile rivolgersi anche a un intermediario abilitato.

Il 17 giugno 2024 segna altre importanti scadenze fiscali, inclusi:

  • Versamento della terza rata del saldo IVA per l’anno d’imposta 2023, con un incremento dello 0,66% per ogni rata successiva alla prima.

  • Versamento IVA per il primo trimestre per i contribuenti trimestrali “per opzione”.

  • Liquidazione e versamento dell’IVA relativa al mese precedente, tramite il modello F24 o un intermediario abilitato.

  • Versamento delle ritenute alla fonte su interessi, redditi di capitale, redditi da perdita di avviamento commerciale e riscatti di polizze vita corrisposti nel mese precedente.

  • Versamento dell’imposta sostitutiva dell’Irpef e delle addizionali regionali e comunali sui compensi erogati ai dipendenti nel mese precedente.


Scadenze Fiscali del 30 Giugno 2024: Adempimenti di Fine Mese

Verso la fine del mese, ricordiamo diverse scadenze rilevanti:

  • Versamento dell’imposta di bollo per le fatture elettroniche emesse nel primo trimestre dell’anno. Se l’importo dovuto non supera i 5.000 euro, il versamento può essere eseguito entro il 30 settembre o il 30 novembre, a seconda dell’importo complessivo dovuto.

  • Comunicazione delle liquidazioni periodiche IVA effettuate nel primo trimestre solare 2024. Il modello da utilizzare è “Comunicazione liquidazioni periodiche IVA”, da presentare esclusivamente in via telematica.


Studio Romano & Associati

Comments


bottom of page